CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime notizie

Cerca nel blog

lunedì 12 giugno 2017

Banca di Credito Popolare (Bcp): valore delle azioni in calo e soci bloccati

Firenze, 12 Giugno 2017. La Banca di Credito Popolare (Bcp) nasce a Torre del Greco nel 1888, opera in tutta la Campania e nelle due province meridionali del Lazio. Si tratta di un istituto niente affatto piccolo con un patrimonio netto tangibile ben superiore a due miliardi di euro, 67 filiali, più di 600 dipendenti, circa 150.000 clienti e, soprattutto, oltre 5.000 soci che da tempo non hanno modo di smobilizzare facilmente il proprio investimento.

Il 19 aprile 2015, l'assemblea ha deliberato l'adesione, a partire dal successivo 29 giugno, al servizio di negoziazione delle azioni per il tramite dell'Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane e la contemporanea cessazione del servizio di mediazione fino ad allora svolto dalla banca stessa. Come si può comprendere, difficoltà esistevano già allora e derivano dal fatto che, a differenza del passato, per l'intervento del Fondo acquisto azioni proprie occorre la preventiva autorizzazione della Banca d'Italia.

Dal gennaio 2014 è infatti in vigore il Regolamento U.E. n. 575/2013 del 26 giugno 2013 (c.d."CRR") che agli articoli 77 e 78 dispone che il riacquisto di proprie azioni da parte della banca è possibile dietro autorizzazione della Vigilanza. Il criterio per decidere se autorizzare o no è puramente di natura prudenziale. Fino a tutto il 2013 la legge chiamava invece la Vigilanza ad autorizzare tali riacquisti solo quando essi eccedevano il cinque per cento del capitale sociale.

E per una banca come la Bcp che presenta incagli e sofferenze superiori al patrimonio netto tangibile, e per di più è molto attiva in un'area -quella vesuviana- disastrata, economicamente e finanziariamente, non solo dalla crisi ma anche dal crac della compagnia di navigazione Deiulemar, è ben difficile che la Vigilanza autorizzi gli acquisti di azioni proprie.

Per la negoziazione delle azioni sono previste aste settimanali che si tengono ogni venerdi, l'ultima delle quali con scambi effettivi risale al 31 marzo scorso con un solo contratto per appena 35 pezzi scambiati a 28,35 euro. La precedente risale addirittura all'11 novembre 2016, anche in quel caso con un solo contratto concluso per 350 pezzi a 28,35 euro.

La situazione, come si può comprendere, non è semplice, e non è certo per caso che l'assemblea del 30 aprile scorso ha fissato il prezzo di emissione di eventuali nuove azioni a 28,83 euro ciascuna, in calo dell'11,29% rispetto al precedente valore di 32,50 euro. Non solo. Oltre ad approvare il bilancio 2016, ha conferito mandato al Consiglio di Amministrazione per l'adesione delle azioni al sistema multilaterale di negoziazione Hi-Mtf, che fa capo all'Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane, Iccrea, Aletti, Banco Popolare e Banca Sella. L'inizio degli scambi è previsto per la fine dell'anno. Nel corso dell'assemblea, il Presidente ha però affermato che nel caso in cui si riscontrasse l'eventualità di un prezzo di negoziazione verosimilmente troppo basso, a quel punto il Consiglio di Amministrazione non procederà nell'iter di ammissione all'Hi-Mtf e la questione sarà nuovamente sottoposta ai soci in occasione dell'assemblea annuale dell'aprile 2018.

Insomma, per gli azionisti Bcp al momento non si vedono vie d'uscita, se si pensa a quanto è accaduto a Banca Valsabbina (da 18 a meno di 6 euro) e sta per accadere alla Popolare di Bari (per cui è previsto un crollo di almeno il 70% dai massimi). E' logico prevedere che la Banca di Credito Popolare non consentirà la negoziazione delle azioni all'Hi-Mtf per non far emergere un analogo tracollo, ma nel frattempo i soci non hanno a disposizione metodi per liquidare il proprio investimento se non le aste sempre deserte per mancanza di compratori.

Del resto, come immaginare potessero essere reali i valori delle azioni deliberati dal Consiglio di Amministrazione, i quali crescevano anche mentre imperversava la peggiore crisi dal dopoguerra? Il bilancio 2007 esprimeva un valore di 25,50 euro per azione, diventati 28,50 nel 2008 e 30,00 nel 2009 e cosi via, arrivando ai 32,50 euro del 2013 confermati nel 2014 e nel 2015. Solo con l'ultimo bilancio vi è stato un leggero ribasso, come detto.

La decisione di avviare l'iter per la negoziazione all'Hi-Mtf, pertanto, appare più che altro un modo per prendere tempo e cercare di far emergere quanto più tardi possibile il reale prezzo di mercato delle azioni Banca di Credito Popolare. Diciamo che possiamo prevedere sin da ora un'assemblea ordinaria 2018 molto poco tranquilla per la Bcp

Anna D'Antuono, legale, consulente Aduc



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.