Cerca nel blog

giovedì 8 giugno 2017

Giornata mondiale contro il lavoro minorile (12 giugno): tutti in piazza con Mani Tese e Altromercato, sabato 10 e domenica 11 giugno

168 milioni i bambini lavoratori nel mondo (1 su 4). 98 milioni sfruttati in agricoltura

Sabato 10 e domenica 11 giugno 2017 in tante piazze italiane, con la collaborazione di Altromercato, si potrà trovare il tè nero BOPF, sostenendo così con una piccola donazione i progetti Mani Tese della campagna "I exist" contro le schiavitù moderne, e firmare l'appello al Governo Italiano per dire NO al lavoro minorile.

 
Milano, 9 giugno 2017Mani Tese, ONG che da oltre cinquant'anni si batte contro le ingiustizie nel mondo, e Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, uniscono le forze per dire no allo sfruttamento del lavoro minorile. 

In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, nel weekend del 10 - 11 giugno 2017, le due realtà, da sempre impegnate nella promozione di stili di vita sostenibili, hanno indetto una mobilitazione che coinvolgerà oltre 50 luoghi tra piazze e botteghe equosolidali. L'iniziativa rientra nell'ambito della campagna di Altromercato "Insieme creiamo un altro vivere" e della campagna di Mani Tese "I exist - say no to modern slavery".

La piaga del lavoro minorile
Nel mondo circa 168 milioni di bambini sono impiegati in attività lavorative: 1 bambino ogni 4. 85 milioni di bambine e bambini sono impiegati in attività lavorative pericolose, che vanno a ledere i loro diritti, mettendone a rischio la salute mentale e fisica condannandoli a una vita senza svago né istruzione. Il principale settore di impiego del lavoro minorile è l'agricoltura dove sono impiegati 98 milioni di bambini.

Un tè per regalare un futuro alle vittime di sfruttamento
Nei giorni 10 e 11 giugno 2017, nelle piazze italiane, con una piccola donazione si potrà trovare l'edizione speciale di tè nero BOPF Altromercato sostenendo così i progetti in India, Cambogia e Bangladesh della campagna "I exist" di Mani Tese contro le schiavitù moderne e aiutando tanti bambini e bambine vittime di sfruttamento.

I bambini devono giocare e studiare, non lavorare!
"I bambini devono giocare e studiare, non lavorare!" è il titolo dell'appello promosso da Mani Tese in occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, a cui Altromercato ha aderito con entusiasmo. Il rispetto dei diritti dei bambini è infatti uno dei 10 principi fondamentali del Commercio Equo e Solidale.

La petizione potrà essere firmata il 10 e 11 giugno presso i banchetti di Mani Tese e le Botteghe Altromercato aderenti all'iniziativa, oltre che on line sul portale Change.org
.
L'appello chiede al Governo Italiano e a tutte le forze politiche rappresentate in parlamento di combattere le cause economiche del lavoro minorile nel Sud del mondo, di garantire un'istruzione universale gratuita di qualità e di rendere le imprese legalmente responsabili delle violazioni dei diritti umani.

A proposito di "Insieme creiamo un altro vivere"
La collaborazione con Mani Tese rientra nella filosofia della campagna sociale di Altromercato "Insieme creiamo #unaltrovivere" che si pone l'obiettivo di coinvolgere la società civile per dimostrare che un altro mondo è possibile. Un mondo più giusto, sostenibile, attento all'ambiente, ai diritti, al lavoro e alla solidarietà sociale, Attraverso importanti alleanze, la campagna affronta così i temi più urgenti e importanti, che caratterizzano l'agenda internazionale, quali la difesa dei diritti umani – dei lavoratori, delle donne, dei bambini - e il contrasto ad ogni forma di schiavitù lungo tutte le filiere produttive. Temi su cui Altromercato lavora concretamente da 30 anni nel Sud come nel Nord del Mondo.

A proposito di "I exist – say no to modern slavery"
Lanciata nel febbraio 2016 alla presenza del Premio Nobel Kailash Satyarthi, la campagna "I exist" si propone di prevenire e contrastare le nuove forme moderne di schiavitù: dal lavoro minorile al traffico di esseri umani, fino allo sfruttamento del lavoro nelle filiere produttive. Obiettivo è quello di contribuire a una mobilitazione globale contro la schiavitù moderna lavorando sia nell'ambito della protezione delle vittime, perché vedano i propri diritti fondamentali riconosciuti, sia della prevenzione del fenomeno attraverso sensibilizzazione e progetti di cooperazione nei luoghi in cui si verificano gravi violazioni dei diritti umani e sfruttamento di bambini, donne e uomini, a scopo di profitto. 

Scopri tutte le piazze italiane e le botteghe Altromercato aderenti all'iniziativa su www.manitese.it.

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email