Cerca nel sito

giovedì 15 giugno 2017

Pecorino Toscano DOP: crescono produzione ed export


Consorzio Pecorino Toscano DOP
Presentati i dati del 2016 e dei primi mesi del 2017.

Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP: in crescita produzione ed export nel 2016 e nei primi mesi del 2017. 
Segno positivo sui mercati europei e Usa.

Forte l'impegno per la promozione in Italia e all'estero, con attenzione costante alla qualità.



Firenze, 15/06/2017. Il Pecorino Toscano DOP vola all'estero e si consolida sul mercato italiano. 

A dirlo sono i dati che fotografano il 2016 del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP, con oltre 1 milione e 500 mila forme prodotte e 1 milione e 125 mila forme vendute, tra tenero e stagionato, per un fatturato di circa 24,2 milioni di euro, cresciuto del 2,02 per cento rispetto all'anno precedente. Il fatturato complessivo al consumo è di oltre 50 milioni di euro. 

Sul fronte export, l'incremento è stato pari al 28,64 per cento, che si traduce in quasi 4,4 milioni di euro di fatturato e vede una forte ascesa del prodotto sui mercati europei. 

Il trend positivo ė confermato anche nei primi quattro mesi del 2017, dove la produzione registra un aumento del 2,77 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016. 

Il Pecorino Toscano DOP nel 2016. I dati di produzione e lavorazione dei 17 caseifici consorziati riferiti al 2016 parlano di oltre 34 milioni e 156 mila litri dilatte in arrivo da 870 allevatori, di cui 245 direttamente associati al Consorzio, con un incremento rispetto al 2015 del 12,73 per cento. 

I litri di latte destinati alla produzione di Pecorino Toscano DOP sono stati 20 milioni e 135 mila euro, pari al 14,75 per cento in più rispetto all'anno precedente, e sono stati trasformati in oltre 3.651 tonnellate di Pecorino Toscano DOP (+24,02 per cento rispetto al 2015), di cui 1.154 tonnellate tenero (+1.14 per cento) e 1.282 tonnellate stagionato (+ 1,98 per cento). 

Il prodotto venduto è stato pari a 2.436 tonnellate, con un incremento dell'1,58 per cento rispetto all'anno precedente.

Il trend positivo continua nel 2017. 
La produzione di Pecorino Toscano DOP
presenta il segno positivo anche nei primi quattro mesi del 2017

I dati, disponibili fino al mese di aprile, parlano infatti di oltre 5 milioni e 923 mila litri di latte lavorato, con un incremento del 2,72 per cento rispetto al 2016, e di 1.804 tonnellate di Pecorino Toscano DOP prodotto, con un aumento pari al 2,77 per cento rispetto allo stesso quadrimestre del 2016. 

Segno positivo anche per il prodotto venduto, con 871 tonnellate che equivalgono al 15,69 per cento in più rispetto al 2016.

Il Pecorino Toscano DOP piace sempre di più all'estero. 
I dati riferiti alle esportazioni di Pecorino Toscano DOP nel 2016 parlano di un fatturato aumentato del 28,64 per cento rispetto al 2015, pari a circa 11 milioni di euro al consumo. 

Il prodotto registra una forte ascesa sui mercati europei, con un incremento del 26 per cento e la presenza sempre più forte in Germania (9,61 per cento delle esportazioni), Belgio (7,10 per cento), Finlandia (6,37 per cento), Regno Unito (5,09 per cento), Paesi Bassi (3,75 per cento) e Austria (3,51 per cento). 

Forte anche il consumo in Svizzera (13,34 per cento), mentre in altri continenti il Pecorino Toscano DOP si conferma molto presente e apprezzato negli Stati Uniti, con il 28,58 per cento delle esportazioni. Seguono Australia, Oceania e Asia, con valori più marginali ma sempre positivi.

Impegno continuo per garantire un prodotto di qualità. Nel 2016 il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP ha portato avanti l'impegno a tutela della qualità del prodotto e dei consumatori contro frodi e falsificazioni. 

Le verifiche ispettive operate dall'Organismo di Controllo DQA, Dipartimento Qualità Agroalimentare, hanno interessato allevamenti e stabilimenti produttivi, con circa 350 ispezioni nei primi e 20 nei secondi. 

L'autocontrollo operato dal Consorzio di tutela nelle aziende produttive, invece, è stato pari a 32 visite ispettive e 64 analisi, mentre la vigilanza sulla vendita del Pecorino Toscano DOP ha registrato 64 visite ispettive presso punti vendita, con prelievo e analisi di 30 campioni di Pecorino Toscano DOP; 12 visite ispettive presso confezionatori e utilizzatori nei composti alimentari esterni; 16 visite ispettive presso confezionatori soci del Consorzio; la vigilanza è stata effettuata anche su internet con conseguenti segnalazioni all'ICQRF, Istituto centrale controllo qualità e repressione frodi, che ha effettuato 25 interventi repressivi su altrettanti siti web che vendevano Pecorino Toscano DOP falso.

I controlli a tutela della qualità del prodotto e dei consumatori continuerà senza sosta, portando avanti anche l'impegno della Regione Toscana che lo scorso anno ha istituito una task force contro le frodi alimentari coinvolgendo le Procure della Repubblica di Firenze, Arezzo, Grosseto e Siena.

La promozione nazionale e internazionale del Pecorino Toscano DOP
Nel corso del 2016 sono stati numerosi e in Paesi diversi del mondo gli appuntamenti che hanno visto protagonista il Pecorino Toscano DOP. 

Attraverso il Consorzio di tutela, infatti, il prodotto punta molto sulla sua promozione a livello nazionale e internazionale e su una crescente sensibilizzazione verso la qualità di ciò che arriva sulle tavole dei consumatori, a partire dai più piccoli. 

Nel corso del 2016, il Consorzio ha partecipato al Winter Fancy Food di San Francisco ed è tornato negli USA a giugno, in occasione del Summer Fancy Food Show che si svolge ogni anno a New York. In Italia, il Consorzio ha partecipato al Chianti Classico Collection di Firenze, al Vinitaly di Verona, al Cibus di Parma e a Festambiente, a Grosseto. Il 2016 del Pecorino Toscano DOP nel mondo si è chiuso a novembre con la partecipazione al Food Expo di Ho Chi Minh City, in Vietnam.

Il 2017, invece, si è aperto con la rinnovata partecipazione al Winter Fancy Food di San Francisco, al Chianti Classic Collection e al Vinitaly, a cui si è unita la presenza al Sial di Toronto e a Tuttofood a Milano, entrambi nel mese di maggio. 

A fine giugno il Pecorino Toscano DOP sarà ancora protagonista a New York per il Summer Fancy Food, seguito da altri appuntamenti internazionali che vedranno il Consorzio al fianco di altri prodotti a marchio DOP e IGP espressione del mondo agroalimentare e vinicolo toscano nell'ambito del progetto EAT, European Art of Taste finanziato dall'Unione Europea.

Promozione e attenzione alla qualità. 
Accanto a manifestazioni nazionali e internazionali, il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP ha partecipato a progetti dedicati alla qualità, fra cui il progetto "A scuola con la DOP", promosso da Legambiente con incontri nelle scuole primarie della provincia di Grosseto e visita dei bambini nei caseifici, e il convegno su innovazione dei sistemi di allevamento e miglioramento quantitativo e qualitativo del latte ovino tenutosi a Grosseto ad aprile.

"Il 2016 e i primi mesi del 2017 - afferma il presidente del Consorzio di tutela del Pecorino Toscano DOP, Carlo Santarelli - confermano una situazione positiva sia per la produzione che per le vendite di Pecorino Toscano DOP, con dati molto buoni sia sul mercato nazionale che estero. Questi numeri, oltre a confermare la qualità del nostro prodotto e l'impegno di tutti i soggetti coinvolti, dagli allevatori ai produttori, dai confezionatori agli stagionatori, tengono alta anche l'attenzione del Consorzio sulla quantità e la qualità del latte, per permettere al Pecorino Toscano DOP di essere sempre più presente sul mercato italiano e su quello internazionale, aprendo anche nuove prospettive".

"Il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP - aggiunge il direttore, Andrea Righini - guarda al futuro, forte di questi dati positivi, con obiettivi di ulteriore crescita e valorizzazione del prodotto. Tra questi c'è il continuo miglioramento della qualità del latte e la possibilità di contare su una maggiore quantità di materia prima per soddisfare l'intera domanda del mercato e siamo costantemente in contatto con istituti di ricerca regionali, a partire dalla Scuola Sant'Anna di Pisa e dalle Università di Pisa e Firenze, per portare avanti studi che permettano di migliorare la qualità del latte e anche la sua quantità, partendo dal benessere delle pecore con innovazioni nei sistemi di allevamento e alimentazione. Sul fronte della qualità, abbiamo accolto con favore anche la legge che dallo scorso 19 aprile rende obbligatoria l'indicazione di origine della materia prima, un elemento che va a rafforzare la garanzia del prodotto acquistato dai consumatori con trasparenza e consapevolezza. Sul fronte della promozione nazionale e internazionale, il lavoro del Consorzio continuerà per far conoscere sempre di più il Pecorino Toscano DOP, le sue caratteristiche e il mondo fatto di tradizioni rurali e passioni che sta dietro ogni forma e ogni fetta e lo lega in maniera forte alla terra di origine e di produzione, la Toscana".
Il Consorzio del Pecorino Toscano DOP sui social network. Per conoscere da vicino il Pecorino Toscano DOP e le numerose iniziative promosse dal Consorzio per valorizzare il prodotto, la sua qualità e il legame con il territorio di produzione, è possibile seguire la pagina Facebook (Pecorino Toscano DOP) e i profili di Instagram (@pecorinotoscano) e Twitter (@pecorinotoscano), in lingua italiana e inglese, oltre ai profili Tumblr (Pecorino Toscano PDO) e Pinterest (Pecorino Toscano), solo in lingua inglese. 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI