CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime notizie

Cerca nel blog

giovedì 8 giugno 2017

Tre modi per vivere e avvicinarsi alla cucina vegana a Milano.


Dal classico ristorante adatto la famiglia, alla focacceria e burgeria ideali per un dopo cena o un aperitivo.
Seguitemi nelle prossime righe.
Scelte di vita estreme o controcorrenti non sempre sono ben viste subito dall’uomo comune. 


E' così anche quando si parla alimentazione vegana rispetto a quella tradizionale in cui emergono luoghi comuni. 
Senza cadere negli eccessi o estremismi, vi raccontiamo tre modi per avvicinarsi al cibo vegano.

Tre locali a Milano, per chi vuole assaggiare, provare e apprezzare la buona cucina vegana, nelle sue forme più diverse. 

Ne sono nate 3 interviste con i titolari, persone che credono, amano il nostro Paese con pregi e difetti e che per tutti l’imperativo è “mangiar bene e sano”. Seguitemi!

il bubris cristiano fabris



Flower Burger: il burgher che non ti aspetti

Il primo locale si chiama Flower burger e come si capisce dal nome, il burgher è il cuore del menù. 


Mi fermo per il pranzo di sabato e ovviamente il locale è affollato, ma seppure intimo è molto ben organizzato negli spazi, pulito e ordinato. 

Io ho consumato il menù classico e credetemi, se vi dico che terminato il burger, ero sazio!! Grosso, ben imbottito e con il pane morbido l’ho accompagnato con la gazzosa di Lurisia. 

Per chi come me ha origini piemontesi, ricorda bene la gazzosa di Lurisia che si beveva al cinema la domenica pomeriggio. 

Durante il pranzo ho incontrato l’ideatore di Flower burgher ed ecco cosa ci ha raccontato.

Come e perché è nata l'idea di Flower burger? 
Nel 2015 decisi di lasciare il mio lavoro da Export Manager per inseguire il sogno di diventare imprenditore in una piccola realtà nel settore del bedding. 
Questa esperienza purtroppo finì esattamente il giorno prima di iniziare! 
Trovandomi disoccupato per qualche mese rispolverai un’idea che era nel cassetto già da tempo: aprire una vegan burgheria! 
Dopo viaggi in Europa e mesi di preparazione a Ottobre 2015 nacque il primo Flower Burger in Viale Vittorio Veneto 10 a Milano. 
E poi arrivano successivamente Monza, Roma e Torino.

Chi c'è dietro a Flower Burger? 
Dietro a Flower Burger ci sono io affiancato da un team di persone con professionalità diverse che donano il proprio valore aggiunto a questo progetto. E’ fondamentale essere supportati da persone pronte a sostenere e consigliare, soprattutto nei momenti più delicati di un’attività.A chi si rivolge Flower Burger? 
Flower Burger ha un target di riferimento differenziato, si rivolge a tutti! L’obiettivo è infatti quello di far vivere una nuova esperienza culinaria divertente, vogliamo dimostrare che si può mangiare vegano in modo gustoso e colorato!

Quali ostacoli avete incontrato nel realizzare Flower Burger?
La burocrazia, la mancanza di professionalità nelle istituzioni e il pregiudizio di tante persone sono sicuramente degli ostacoli molto difficili da superare. Quotidianamente si incontrano tantissime problematiche che in altri paesi non esistono ma viviamo in un Paese bellissimo e purtroppo questo è il prezzo da pagare.

Il ricordo più bello sinora della vostra esperienza?
Non ho un ricordo specifico, ma ho trovato la medicina per i momenti difficili e tristi: il sorriso dei nostri clienti (sopratutto degli “scettici”) dopo aver sbranato i nostri burger. La soddisfazione che si prova nel generare una piccola emozione tramite ciò che fai è impagabile!

Come nasce la cucina di Flower Burger? 
La cucina di Flower Burger nasce da una fusione di conoscenze, ricerche e viaggi in giro per il mondo. 
Dietro ogni prodotto di Flower Burger ci sono collaborazioni con chef, tantissimi tentativi e tanta passione. 
E’ bellissimo vedere come le sinergie tra persone riescano a creare dei prodotti che poi hanno un grandissimo successo tra i nostri clienti!

Chi viene a Flower burger, non può essere andato via senza aver provato? 
I burger più apprezzati dai clienti sono il Tofungo e il Flower Burger, ma anche le limited edition come il Cherry Bomb possono entrare di diritto nella lista delle cose da provare assolutamente! Il tutto accompagnato dalle nostre patate al forno speziate alla paprika!

Si organizzano Eventi fissi o a richiesta? 
Un evento fisso che abbiamo ideato e riscuote successo è il Meatless Monday: ogni lunedì i nostri clienti hanno diritto al 20% di sconto su tutti gli acquisti. Inoltre abbiamo in servizio di Satispay e iniziato da poco ad organizzare eventi su richiesta nei nostri store (compleanni, cene speciali) e catering per altri eventi/presentazioni con i nostri mitici mini burger.

Flower burger è social? 
Dove troviamo tutte le informazioni? Flower Burger è super social e i nostri clienti lo sono ancor di più! 
I nostri burger e la location dalle stampe psichedeliche e i mantra sulle pareti sono instagrammati continuamente!
Il nostro account IG è: @flower_burger e www.instagram.com/flower_burger.
Abbiamo una pagina Facebook nazionale e delle pagine FB locali per i punti vendita di Roma, Milano e Torino. 
Senza dimenticare il nostro sito internet costantemente aggiornato con le novità come i nuovi dessert (abbiamo appena lanciato il gelato: il Flower Cream) o i burger speciali.

Progetti futuri per Flower Burger? 
Ci stiamo espandendo su tutto il territorio italiano tramite una rete di franchising e pianifichiamo di fare la prima apertura internazionale entro il 2018!


Maddai: focaccia e non solo in un angolo parigino a Milano




La sera del sabato resto nella zona che è consacrata come la più multietnica di Milano: Porta Venezia. 

Qui è un tripudio di locali di nazionalità, cultura, tradizione differenti e vengo catturato dal Maddai, un locale con due anime: quella diurna di una focacceria vegana dove fare uno spuntino e quella dopo le 18.30, che io definisco “in lungo”, ma che sapientemente Augusta (ideatrice di Maddai) ha definito “premium”. 

Un luogo dove si “sta bene” con amici come se fossi a casa, dove non esistono etichette da rispettare e dove si mangiano prodotti di qualità. 

Non solo un aperitivo, ma proprio una cena in un’atmosfera casalinga. 

Sarà per l’arredo recuperato dalle sale da pranzo delle nonne in stile Art Dèco, o quel dettaglio all’esterno di trasformare una fioriera in piccolo tavolino, che per un attimo sembra di essere in angolo di bohémien parigina. 

La mia sosta milanese, ha coinvolto parecchi amici e devo dirvi che per me era come stare nella veranda del mio camper o un una delle cene che organizzavo nella mia vita precedente. 

Capisco perfettamente le parole di Augusta: voglio che le persone che vengono al Maddai “stiano bene”. 

Nella semplicità di queste due parole, c’è tutta la filosofia di questo locale a cominciare dagli ingredienti scelti per realizzare le focacce, la lievitazione, le verdure e i condimenti. 

E se si desidera si possono richiedere ingredienti non vegani. 

D'altronde come spesso accade le idee migliori nascono da un’esperienza propria. 

Augusta ci spiega che solitamente entrava in un locale e il menù classico prevedeva un’eccezione vegana. 

Per ragioni di intolleranza alimentare, lei si trovava sempre ad avere una limitata scelta di prodotti e piatti. 

Al Maddai invece è in contrario, la base è vegana e la domanda è “cosa si può mangiare di non vegano?” 

Un’ultima nota che vi voglio segnalare è la scelta di servire prodotti naturali, succhi di frutta, spremute, prodotti derivanti da colture biologiche e vini di qualità, quindi non entrate al Maddai chiedendo una coca con ghiaccio!


Radice tonda: un luogo per tutta la famiglia


Non so voi , ma la domenica a me fa venire in mente il pranzo in famiglia e quindi il terzo locale è un classico ristorante vegano adatto anche alla famiglia. 


Mi sposto nella zona di Porta Romana, dove c’è una delle due sedi di Radice tonda. 

Personalmente mi ha da subito conquistato per come si presenta: un ambiente naturale, dove il legno è il padrone di casa, alcuni messaggi chiari e di facile comprensione sul perché optare per un alimentazione vegana, oltre alla certificazione biologica, sono appesi alle pareti e una cortesia impagabile del personale. 

Perché se è vero che siamo noi a scegliere come comporre il piatto, è vero che lo stesso preparato a dovere ci viene servito al tavolo. 

Il mio istinto di “cane da tartufo” mi spinge a curiosare anche dietro al bancone e ovviamente un signore con fare garbato mi chiede se ho bisogno di aiuto. 

Si tratta di uno dei tre soci che hanno ideato Radice tonda e volete che mi faccia sfuggire l’occasione di porgergli alcune domande?

Come e perché è nata l'idea di Radicetonda?
Mancava una proposta del genere a Milano, perché qui si mangia rispettando il massimo la salute. 
E’ il ristorante vegano più biologico certificato, al minimo del prezzo con una formula bistrot.
Chi c'è dietro a Radicetonda? 
Lorenzo Cannavale, giornalista e architetto, Guido Fornaro, scenografo e Guido Giansoldati, regista. 
Abbiamo imparato a fare i ristoratori per portare avanti un progetto anche etico in cui crediamo.

A chi si rivolge Radicetonda? 
Non solo ai vegani ovviamente, anche a chi vuol sapere da dove arriva quello che mangia e beve, a chi è interessato ai temi della sostenibilità alimentare e del corretto uso delle risorse. 
Ai giovani particolarmente, per fargli capire che un diverso modello di alimentazione più virtuoso è possibile. 
A chi abbia voglia di sperimentare nuovi gusti e sapori.

Quali ostacoli hai incontrato nel realizzare Radicetonda? 
Sembra scontato ma soprattutto la burocratici e amministrativi , soprattutto per il tempo che bisogna dedicarci a scapito della ricerca sul cibo o della formazione del personale.

Il ricordo più bello sinora della Vostra esperienza? 
I clienti di paesi lontani (russi, giapponesi, brasiliani, americani) che vengono apposta da noi e i tanti ragazzi con cui abbiamo collaborato in questi anni.

Come nasce la cucina di Radicetonda? 
Nasce dalla materia prima disponibile, che essendo biologica cambia tutti i giorni a seconda delle disponibilità, di conseguenza i menù sono sempre diversi, ogni giorno è una sorpresa.

Chi viene a Radicetonda, non può essere andato via senza aver provato? 
Dura a dirsi con una ventina di proposte sempre disponibili…..forse la maionese, che pochi si aspettano.

Si organizzano Eventi fissi o a richiesta?
Il locale di piazza Buozzi è a disposizione nelle serate di domenica, lunedì e martedì per eventi, feste e cene private. Ad esempio nei martedì sera di giugno sarà presente Masaaki, chef giapponese a farci provare le prelibatezze della cucina casalinga del sol levante.

Radicetonda è social? 
Tutte le informazioni sono rintracciabili sulla pagina facebook è l'account instagram che sono molto seguite a aggiornate giornalmente. Oltre ovviamente al sito è semplice e veloce da consultare

Progetti futuri per Radicetonda? 
Il progetto prevede la moltiplicazione di altri “Radice tonda” che per ora sono in 2, ma che in futuro sicuramente saranno di più.


Il mio weekend da neofita vegano nella città italiana più premiata dal turismo nel 2016, termina con una maggiore consapevolezza di ciò che mangio, di come viene preparato e soprattutto rispettando il più possibile l’ambiente e la natura.

Qui di seguito i siti dei tre locali, dove trovare orari, indirizzi, menù e curiosità

  • www.flowerburger.it
  • www.maddaimilano.com
  • www.radicetonda.it

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.